Incontri ravvicinati

Incontro Ravvicinato - John Waters

90 min.
Incontro Ravvicinato - John Waters

Attenzione: “la prenotazione è attiva SOLO a partire dalle 48 ore precedenti l’evento stesso”

Per prenotare cliccare sul pulsante "Prenota"

Proiezioni
Teatro Studio Gianni Borgna
17/10/2020 21:00
Acquista
8Pub Acc

Film Sinossi
Figura chiave del cinema contemporaneo, che con la sua magnifica irriverenza è diventato un personaggio di culto, John Waters è autore di alcuni tra i film più trasgressivi e provocatori di sempre. Duke of dirty, Prince of puke o Pope of trash: tutti appellativi dei quali Waters è sempre andato fiero, sostenendo che «ci vuole buon gusto per apprezzare il cattivo gusto».

Originario di Baltimora, nato in una famiglia benestante e cattolica, John manifesta da subito tendenze stravaganti e una passione irresistibile per tutto ciò che viene considerato fuori dagli schemi. Si avvicina al cinema durante l’adolescenza e sua nonna gli regala una cinepresa 8mm con cui realizza un corto domestico, Hag in a Black Leather Jacket, storia di un eccentrico matrimonio tra una ragazza bianca e un afroamericano. Capisce che il cinema è la sua strada e nel 1966 gira Roman Candles, quaranta minuti di bizzarro collage a base di sesso, droga e religione. Al film prende parte Harris Glenn Milstead, un ragazzo che abita nella sua stessa via e che ama travestirsi. Da quel momento in poi Harris sarà per sempre Divine, musa ispiratrice di Waters e celebre drag queen. Dopo altri due cortometraggi, gira il suo primo lungometraggio, Mondo Trasho, debitore sin dal titolo al mito di Russ Meyer, autore di Mondo Topless, e al sottogenere dei cosiddetti mondo movie italiani. Qui Waters azzera tutti i canoni cinematografici e li riscrive dall’inizio. Nel 1972 dirige Pink Flamingos, una gara tra due nuclei familiari per contendersi il titolo di famiglia più disgustosa del mondo. Il film viene venduto in tutto il mondo e Il New York Magazine lo definisce “il film americano più vicino a Un chien andalou di Luis Buñuel”.

Nel 1981 Waters stupisce ancora una volta il pubblico con Polyester. Il film viene presentato in Odorama: un cartoncino con dei tondini numerati che lo spettatore deve grattare quando il numero corrispondente appare sullo schermo per sentire l’odore di una data scena.

Tra la fine degli anni ‘80 e i ‘90 Waters gira una serie di film di successo decisamente più mainstream quali Grasso è bello e La signora ammazzatutti. Nel frattempo, il suo cinema diviene oggetto di una consistente rivalutazione, tanto che nel 2018 il Museum of Art di Baltimora gli dedica una mostra personale e nel 2019 il Festival di Locarno lo premia con il Pardo d’onore Manor.

John Waters sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato con il pubblico della Festa e parlerà della sua carriera cinematografica e dei film che l’hanno ispirata.