Selezione Ufficiale

Jan Palach

Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca | 2018 | 124 minuti | Colori
Jan Palach
Regista
Robert Sedláček
Robert Sedláček, nato nel 1973, si è diplomato nel 2001 alla FAMU, la scuola di cinema di Praga, dove dal 2013 insegna regia. Dal 1997 ha diretto decine di documentari su temi sociali e storici, sia cortometraggi che lungometraggi, prodotti dalla ČT (Ceská Televize), la televisione pubblica ceca. Nel 2005 realizza il suo primo lungometraggio di finzione per il grande schermo, Pravidla lzi (Rules of Lies), cui seguono film a soggetto per il cinema (tra cui Muzi v riji (Men in Rut), Rodina je základ státu (Long Live the Family), Bullet for Heydrich (The Czech Century), e per la tv. Ha diretto anche serie televisive, come Zivot a doba soudce A. K. (The Life and Time of Judge A.K.).

Proiezioni
Auditorium Sala Petrassi
23/10/2018, 22:30
Acquista il Biglietto
My Cityplex Savoy
24/10/2018, 15:30
Acquista il Biglietto
Cinema Hall
24/10/2018, 17:30
Acquista il Biglietto
Sinossi
Gli ultimi mesi della vita di Jan Palach, lo studente che nel 1969 si diede fuoco per protestare contro l’invasione sovietica della Cecoslovacchia. Un giovane che scelse il sacrificio estremo nella speranza di risvegliare la coscienza del suo popolo. Attraverso il rapporto con la fidanzata, la vita nella casa dello studente, la convivenza con la madre, il viaggio come lavoratore stagionale in Francia e in Kazakistan, seguiamo il percorso che lo portò - da figlio devoto, amico affettuoso, studente di filosofia sensibile e riflessivo – a diventare “la prima torcia umana”, come si definì in un suo scritto. Il suo gesto fu poi imitato da due persone, ma il regime comunista riuscì a mantenere il controllo della Cecoslovacchia per altri vent’anni.

NOTE DI REGIA La tragica storia di Jan Palach non narra una lotta infantile e ingenua contro il totalitarismo, ma rappresenta invece l’esempio terribile di dove può arrivare un individuo sensibile se spinto all’estremo dal conformismo imperante. Sotto la sua bara hanno scritto: La vita umana occupa il posto più alto nella gerarchia dei valori della nostra cultura europea. Il gesto di Jan Palach sconvolge questa gerarchia. Nella Storia gli eventi che si addicono a questo epitaffio si ripetono ciclicamente. Non sono legati in modo specifico al comunismo o al fascismo, ma riguardano semplicemente le leggi del funzionamento della società umana. Sono l'essenza della natura umana. In futuro, momenti critici simili torneranno di nuovo. È importante riflettere sul destino di Palach finché viviamo in una società libera dove non siamo ancora costretti a ricorrere al suo sacrificio come incentivo morale, ammonimento o arma. Quel che più conta in questa storia si svolge al di là delle parole. Nel silenzio, nei momenti in cui i personaggi tacciono.
Cast
Viktor Zavadil, Zuzana Bydžovská, Denisa Barešová, Kristína Kanátová, Jan Vondrácek, Michael Balcar
Trailer